Follow by Email

23 ott 2007

Best Videos - 5: Pulp

Sono un vorace consumatore di sountrack e compilation di canzoni realizzate per o dirottate su pellicole cinematografiche varie.

Il CD uscito in occasione del primo capitolo di "Mission: Impossible", nel 1995, mi è particolarmente caro perché mi ha aperto dei veri e propri universi sonori.

Partiamo con la scoperta dei Pulp, formazione britanica di cui ho letteralmente consumato col laser del CD player il loro oscuro e irresistibile "This is hardcore".

Il video che è stato tratto dal pezzo portante dell'album è un capolavoro di filologia filmica applicata all'assurdo e al nonsense.



La fotografia in Technicolor anticipa di diversi anni la riscoperta di Douglas Sirk portata avanti dal regista Todd Haynes nel capolavoro "Lontano dal Paradiso".

Altri riferimenti:
"Scandalo al sole" di Delmer Daves;
tutto l'Hitchcock a colori;
la commedia sofisticata americana degli anni Cinquanta.

Bellissimo ed emozionante.

16 ott 2007

Torchwood style: Kate Bush

Prodotta dalla BBC Wales, ambientata prevalentemente a Cardiff, Torchwood - spin-off adulto e graziato in patria da indici di gradimento stellari del serial Doctor Who - rappresenta l'anello di congiunzione tra la fantascienza inglese classica (già di per sé intelligentemente grottesca e visionaria fino al sublime) e la sua evoluzione contemporanea che vede scrittori acidi, disturbanti e politicamente scorretti come lo sceneggiatore di comics scozzese Warren Ellis in prima fila.

Nella seconda metà degli anni Ottanta, Kate Bush realizzava un paio di videoclip che omaggiavano il fantastico britannico in maniera quasi filologica.

Il primo, Cloudbusting, è interpretato dal gigantesco Donald Sutherland e pare una commistione tra The Avengers e The Prisoner in salsa meno surreale, anzi prettamente drammatica:




Il secondo, invece, Experiment IV, rimanda all'universo del dottor Quatermass ideato da Nigel Kneale.


Atmosfere cupe e inquiete e un finale orrorifico (visto che brutta fine fa il futuro Dr. House?...) che - a distanza di vent'anni - sembrano trovare ancora una volta nuova linfa negli episodi di Torchwood, contraddistinto da storie che tutto sono tranne che consolatorie.
Ad attestare che nei territori d'Oltremanica esiste una continuità qualitativa del genere che può solo riempire di soddisfazione.